Come cambiare il piercing all’ombelico

loading...

Uno dei punti più delcati del corpo dove praticare un foro e inserirvi il piercing è per natura l’ombelico ma, d’altra parte, esso rappresenta la zona fisica che consente maggiori cambiamenti soprattutto nel corso dell’estate, periodo dell’anno in cui è possibile mostrarlo di più e a tutte le ore del giorno, dal bagno in mare allo sballo della vita notturna.

00

Ci sono, tuttavia, delle precauzioni da prendere in considerazione se si vuole cambiare spesso l’anellino appeso all’ombelico per evitare infezioni, arrossamenti o conseguenze poco simpatiche per il proprio corpo. Quali?

Essere cauti e non seguire la moda

Quando il piercing è all’ombelico è preferibile non farsi prendere subito dalla tentazione di cambiarlo, ma, al contrario, è bene tenere a freno le tendenze del momento per non incorrere poi in rischi o pericolose infezioni. Pertanto, quando è giusto cambiarlo e soprattutto in che modo?

01

Non c’è una scadenza vera e propria e – elemento non meno importante – la cosa è molto soggettiva e cambia di caso in caso. Contro ogni pericolo e rischio c’è tuttavia una regola valida per tutti e piuttosto logica: se il piercing all’ombelico è stato praticato da pochi giorni chiaramente non è il momento giusto per pensare a cambiarlo perché la ferita necessita del giusto tempo per rimarginarsi completamente e guarire. In questo modo, d’altro canto, si scongiura ogni tipo di infezione.

Ma quanto devo aspettare?

02

Giusto il tempo di pensare a un altro piercing, mi verrebbe da dire. Ma, comunque, scherzi a parte, l’attesa non è poi così piccola, difatti si tratta di tre o quattro mesi fino a nove o dodici mesi. La spiegazione principale è che, come è facile intuire o pensare, la zona in cui si fa il piercing all’ombelico non è un’area qualunque, ma lo strato cutaneo è molto sottile essendo l’ombelico quella parte che rimane della recisione praticata al cordone ombelicale al momento della nascita: la sua forma e dimensione, pertanto, viene determinata dal successivo processo di cicatrizzazione dei tessuti.

Se il primo piercing inserito dal professionista nella pelle dell’addome in prossimità dell’ombelico è realizzato in metallo chirurgico e sterilizzato in autoclave, in modo da ridurre quasi a zero ogni pericolo di contaminazione o infezione, il monile che si inserisce da soli non è altrettanto sicuro perché magari prodotto senza accortezze per la salute, o semplicemente perché soggetto ad agenti esterni e non sterilizzato.

03

E’ arrivato il momento

Dopo i mesi che ci sono serviti per la cicatrizzazione è finalmente arrivato il momento per cambiare il gioiellino e applicarne uno diverso che magari sentiamo più nostro o che forse è quello più modaiolo. Innanzitutto, pur essendo passato il periodo richiesto, è doveroso controllare che la ferita sia guarita seriamente e completamente. Una volta essersi assicurati passiamo alla seconda fase, e cioè lavarsi accuratamente le mani, utilizzando un detergente antibatterico. Subito dopo è bene pulire con la stessa attenzione anche il gioiello da inserire, con l’aiuto di un disinfettante.

Adesso non resta che cambiarlo svitando la chiusura del gioiello che si indossa e sfilandolo delicatamente, evitando di forzare troppo. Tolto il vecchio, lasciamo spazio al nuovo facendo attenzione alla manovra di inserimento e assicurandosi l’assenza di arrossamenti o gonfiori. Se tutto va liscio concedetevi pure un selfie e postatelo sui social, del resto, anche questo oggi fa parte della moda e guai a chi non si concede uno scatto.

loading...
Top